.
Annunci online


Si va alle elezioni anticipate: noi siamo pronti a governare e a cambiare il Paese

10 dicembre 2012.


In pochi giorni è precipitato tutto: la decisione imposta da Berlusconi al Pdl di non votare la fiducia sul decreto crescita, l’annuncio dello stesso Berlusconi di volersi ricandidare, le ore convulse dei vertici e degli incontri tra i maggiori leader politici e la decisione di Monti di dimettersi dalla sua carica di Presidente del Consiglio. La volontà del Capo dello Stato, del Pd e di tutte le forze politiche responsabili di portare a termine ordinatamente la legislatura, garantendo che provvedimenti importantissimi per la stabilità e la tenuta finanziaria del Paese venissero approvati, è stata vanificata dall’ennesima dimostrazione del fatto che Berlusconi è capace di pensare soltanto a se stesso e dal suo inesistente rispetto per le istituzioni democratiche del Paese.

continua

tag berlusconigovernopdelezionipdl
0 commenti   permalink    creato da Achille_Passoni il 10/12/2012 alle 15:58 | Versione per la stampa
condividi:

Il Pdl non vota la fiducia: irresponsabili!

6 dicembre 2012.


Pubblico di seguito l'intervento in Senato della nostra capogruppo, Anna Finocchiaro, riguardo alla decisione  del Pdl di non votare la fiducia al Governo e sulle conseguenze che avrà questo gesto assolutamente irresponsabile.

"Signor Presidente, al di là dell'esito del voto che ha confermato la fiducia al Governo, credo che il fatto politico che è maturato in questa Aula affidato alle parole del Capogruppo del più consistente Gruppo della strana maggioranza che sorregge il Governo Monti (uso la definizione dello stesso Presidente Monti), quello cioè di lasciare la maggioranza e di passare ad una posizione di astensione nei confronti del Governo, sia un fatto politico di primo rilievo".

continua

tag berlusconigovernopdfiduciaelezionipdl
0 commenti   permalink    creato da Achille_Passoni il 6/12/2012 alle 13:22 | Versione per la stampa
condividi:

La Sicilia premia il Pd, ma quel 60% tra non voto e Grillo deve far riflettere

30 ottobre 2012.


Il risultato elettorale della Sicilia premia il Pd, la scelta del candidato e delle alleanze che abbiamo compiuto in una situazione locale difficilissima, a valle di una scelta di sostegno all'esecutivo Lombardo assai discutibile e senza dimenticare il quadro politico nazionale, tutt'altro che definito, nel mezzo di una crisi della politica e di un diffuso populismo pernicioso. È un risultato importante anche per gli effetti che, speriamo, potrà produrre a livello nazionale nel nostro campo, dal punto di vista dello schieramento da costruire per governare l'Italia.

continua

tag siciliaelezionipdpdlberlusconimontiprogressistimoderatigoverno
0 commenti   permalink    creato da Achille_Passoni il 30/10/2012 alle 11:29 | Versione per la stampa
condividi:

L'annunciato ritorno di Berlusconi non cambia le carte in tavola per il Pd

12 luglio 2012.


"Berlusconi non ha ufficializzato la candidatura, ma noi glielo stiamo chiedendo e sono certo che lo farà", parole di Angelino Alfano. Quindi? Berlusconi sarà il candidato del Pdl o di qualcosa che avrà - forse, chissà? - un nuovo nome se deciderà, su qualche nuovo predellino, di cambiarlo di nuovo. Povero Alfano, oltre ad essere stato cancellato e sottoposto ad una figura non proprio eccezionale in pochissime ore, è costretto lui stesso ad annunciare urbi et orbi la "lieta" novella, nel solco, si direbbe, della miglior tradizione stalinista...

continua

tag berlusconipdelezionipdlalfano
0 commenti   permalink    creato da Achille_Passoni il 12/7/2012 alle 16:20 | Versione per la stampa
condividi:

Da Napolitano e Monti il via a una nuova fase politica con al centro l'equità

14 novembre 2011.


Con le dichiarazioni del Presidente Napolitano e di Mario Monti al termine della giornata di consultazioni di ieri si è aperta una nuova fase politica. Due discorsi brevi ma incredibilmente efficaci, in cui il Premier in pectore ha tracciato le linee guida del suo impegno per riformare il Paese e il Presidente della Repubblica ha spiegato le motivazioni che lo hanno portato ad affidare  all’ex rettore della Bocconi l'incarico di formare un nuovo Governo. Entrambi hanno citato una parola che avevo utilizzato anche io in questo post, un concetto fondamentale ignorato da Berlusconi e che ora va messo al centro dell’azione politica del nuovo esecutivo: l’equità.

continua

tag montinapolitanogovernoconsultazioniberlusconilarghe inteseequitàcrescitacrisirisanamentofinanzeeconomia
0 commenti   permalink    creato da Achille_Passoni il 14/11/2011 alle 12:5 | Versione per la stampa
condividi:

13 emendamenti dal Pd: ora subito la Legge di stabilità e poi via Berlusconi

9 novembre 2011.


Il Partito Democratico presenterà soltanto tredici emendamenti alla Legge di stabilità, rispetto agli oltre 190 previsti in origine. Si tratta di una decisione responsabile, presa per accelerare l’approvazione della Legge come richiesto dal Presidente della Repubblica e accelerare la fine di questo Governo. Tra gli emendamenti superstiti, ne rimangono due che considero molto importanti e su cui mi sono impegnato tanto, per il ripristino del finanziamento al programma TETRA e contro i tagli ai Caf.

continua

tag lavoroberlusconigovernocrisidimissionieconomiamercatiborsecontiemendamentospreadmaxiemendamentolegge di stabilità
3 commenti   permalink    creato da Achille_Passoni il 9/11/2011 alle 17:57 | Versione per la stampa
condividi:

Crisi: il Governo proporrà un maxiemendamento senza i licenziamenti facili

3 novembre 2011.


Il lungo Consiglio dei Ministri di ieri sera ha prodotto un maxiemendamento che ci sarà presentato lunedì e che cambierà la Legge di stabilità in discussione qui al Senato. Prima avevano annunciato un decreto, che però incontrava la contrarietà del Presidente vista l’assenza del carattere d’urgenza delle misure che avrebbe dovuto contenere; poi è stata la volta di un disegno di legge, e alla fine il maxiemendamento. E’ con questo pezzo di carta che Berlusconi si presenta oggi a Cannes alla riunione del G20.

continua

tag lavorolicenziamentigovernocrisieuropasacconiberlusconimercati
0 commenti   permalink    creato da Achille_Passoni il 3/11/2011 alle 18:5 | Versione per la stampa
condividi:

La lettera del Governo all'Europa: tra misure già viste e libertà di licenziare

29 ottobre 2011.


L’Europa chiede provvedimenti seri per uscire dalla crisi, e l’unica cosa che il Governo riesce a produrre è una lettera d’intenti vuota e avvelenata. Vuota perché la maggior parte degli interventi che l’Italia si impegna ad intraprendere sono già stati approvati: il caso più eclatante è l’adeguamento dell’età pensionabile a 67 anni previsto per il 2026, nient’altro che una conferma di una misura già esistente. Avvelenata perché mostra la volontà di continuare sulla strada tracciata dal ministro Sacconi e ampiamente bocciata dalle parti sociali: il Governo vuole attuare una vergognosa deregulation del mercato del lavoro, fatta sulle spalle dei lavoratori e con l’unico scopo di renderli sempre più deboli nel rapporto con l’impresa.

continua

tag dirittilavoroberlusconiletteraeuropacrisieconomiasviluppolicenziamentisacconiarticolo 8
1 commenti   permalink    creato da Achille_Passoni il 29/10/2011 alle 12:27 | Versione per la stampa
condividi:

Italia umiliata, Berlusconi vada via subito

24 ottobre 2011.


Ecco cosa rimane della credibilità internazionale del nostro Paese. Alla richiesta di un giudizio sulla fiducia negli impegni presi da Berlusconi, Nicolas Sarkozy e Angela Merkel hanno risposto con un silenzio imbarazzato e dei sorrisi sarcastici, seguiti da una sonora risata di tutta la sala stampa. Così si è simbolicamente concluso un vertice del Consiglio europeo che ha certificato l'esclusione dell’Italia dall’Europa che conta, e che determina l’umiliazione definitiva per il nostro Paese, ormai associato all’improponibile figura di Berlusconi.

continua

tag economiaberlusconicrisimercatisarkozymerkeleuropa
0 commenti   permalink    creato da Achille_Passoni il 24/10/2011 alle 15:55 | Versione per la stampa
condividi:

sfoglia novembre        gennaio