.
Annunci online


Aumento delle ore di lavoro per gli insegnanti: un docente spiega perché la norma è sbagliata

29 ottobre 2012.


Proprio pochi giorni fa, ho scritto un post in cui esprimevo la mia contrarietà alla norma contenuta nella Legge di Stabilità che prevede l'aumento da 18 a 24 ore settimanali dell'orario delle lezioni in classe degli insegnanti delle scuole medie inferiori e superiori, senza che sia previsto alcun aumento di stipendio. Ho ricevuto una lettera aperta da una professoressa di un Liceo Scientifico Statale che spiega molto chiaramente l'iniquità della norma, nel merito e nel metodo con cui è stata proposta. Vi invito a leggerla cliccando qui.


tag scuolatagliinsegnantifuturogiovaniprofumoistruzione
0 commenti   permalink    creato da Achille_Passoni il 29/10/2012 alle 16:45 | Versione per la stampa
condividi:

No all'aumento delle ore di lezione per gli insegnanti: la scuola ha bisogno di investimenti

23 ottobre 2012.


Nella Legge di Stabilità è contenuta una norma che prevede l'aumento da 18 a 24 ore settimanali dell'orario delle lezioni in classe degli insegnanti delle scuole medie inferiori e superiori, senza che sia previsto alcun incremento nello stipendio dei docenti. È un provvedimento che ritengo inaccettabile, in primis perché si configura come l’ennesimo taglio di risorse e denota l’assoluta mancanza di una visione strategica della scuola, che punti sulla qualità dell’istruzione per gli studenti e sulla valorizzazione del ruolo degli insegnanti.

continua

tag scuolatagliinsegnantifuturogiovaniprofumoistruzione
0 commenti   permalink    creato da Achille_Passoni il 23/10/2012 alle 16:9 | Versione per la stampa
condividi:

Milleproroghe, una fiducia in attesa di ulteriori interventi

15 febbraio 2012.


Più di ogni altra volta questo decreto "milleproroghe" – sul quale abbiamo votato la fiducia in Senato - era atteso come strumento concreto per gestire aggiustamenti fondamentali, anzi indispensabili, a garantire sostenibilità ad una transizione di grandissima portata e di enorme impatto sulla vita delle persone quale la riforma delle pensioni. In questo senso, la questione degli "esodati" è l’aspetto più eclatante – anche se non l’unico, ovviamente - e rimane un problema aperto, che non ha trovato come speravamo una soluzione definitiva.

continua

tag lavoropensioniscuolariforma pensionidisabiliamiantoinpsprecariprecocimilleprorogheesodati
0 commenti   permalink    creato da Achille_Passoni il 15/2/2012 alle 18:28 | Versione per la stampa
condividi:

Pensioni, gli emendamenti del Pd al milleproroghe a partire da esodati, precoci e familiari di disabili

13 febbraio 2012.


Nel corso dell’esame in Senato della legge di conversione del cosiddetto “decreto milleproroghe” proseguiamo nell'impegno che ci siamo assunti come Partito Democratico quando votammo la riforma delle pensioni, ovvero quello di cambiarne gli aspetti più squilibrati. Già alla Camera alcune modifiche le abbiamo conquistate, ora ci impegniamo di nuovo al Senato, in particolare per quanto attiene l’impatto della riforma sugli effetti occupazionali derivanti da situazioni di crisi e riorganizzazione produttiva. Abbiamo perciò presentato una serie di emendamenti volti in generale a garantire una maggiore equità e sostenibilità economica per i lavoratori che erano stati ingiustamente penalizzati dalle nuove norme previdenziali.

continua

tag milleproroghepensioniinpsesodatiprecocidisabiliamiantolavoroscuolaprecaririforma pensioni
2 commenti   permalink    creato da Achille_Passoni il 13/2/2012 alle 12:47 | Versione per la stampa
condividi:

La Toscana assicura 2.500 posti alla scuola dell'infanzia

2 settembre 2011.


Firmato un accordo da 5,5 milioni di euro per garantire l'iscrizione a scuola di 2500 bambini. La Regione Toscana ha siglato un'intesa con l'Ufficio Scolastico Regionale, Anci e Uncem toscane che garantirà una copertura totale del fabbisogno effettivo delle famiglie toscane con figli in attesa per le scuole dell'infanzia.

continua

tag scuolatoscanaasili
0 commenti   permalink    creato da Achille_Passoni il 2/9/2011 alle 6:47 | Versione per la stampa
condividi:

Scuola, la posizione del Pd sulle graduatorie ad esaurimento e i docenti precari

6 maggio 2011.


Sono tanti i docenti precari che mi scrivono via mail, su Facebook e sul blog per chiedermi la posizione del Partito Democratico sulla questione delle graduatorie ad esaurimento e di sostenere la loro battaglia. Per questo ho deciso di rispondere a tutti pubblicamente, prendendo come spunto una delle tante lettere che mi sono arrivate in queste settimane.

continua

tag scuolagraduatoriedocentiprecari scuolariforma gelmini
0 commenti   permalink    creato da Achille_Passoni il 6/5/2011 alle 6:25 | Versione per la stampa
condividi:

I ricorsi dei precari della scuola, l'incubo del ministro Gelmini

1 aprile 2011.


La sentenza del tribunale del lavoro Genova - l’ultima di una lunga serie - che riconosce ai precari della scuola con almeno tre anni di servizio alle spalle quegli stessi diritti garantiti ai loro colleghi a tempo indeterminato (scatti di anzianità, stipendio pagato anche nel periodo estivo e via dicendo) è una gran bella grana per il Governo. La sentenza condanna infatti il Ministero a risarcire i 15 precari che hanno presentato ricorso con più di 30mila euro a testa: considerando che sono circa 150mila le persone che potrebbero essere coinvolte in ricorsi simili, anche la Gelmini sta cominciando a capire che potrebbe essere molto meno costosa l’immissione in ruolo di tutti i precari rispetto a un gigantesco risarcimento di massa.

continua

tag scuolatremontiistruzionegraduatoriegelminitagliricorsiprecari scuola
0 commenti   permalink    creato da Achille_Passoni il 1/4/2011 alle 15:19 | Versione per la stampa
condividi:

Berlusconi insulta la scuola pubblica dopo averla devastata

1 marzo 2011.


“Poter educare i figli liberamente vuol dire non essere costretto di mandarli ad una scuola di Stato dove ci sono degli insegnanti che vogliono inculcare dei principi che sono il contrario di quelli che i genitori vogliono inculcare ai loro figli”. E’ questa la sconnessa frase sulla scuola pubblica pronunciata dal perennemente travisato Silvio Berlsuconi. Un’affermazione tanto chiara quanto vergognosa, ancora più grave perché pronunciata dal leader di un Governo che in tre anni ha devastato il sistema scolastico italiano con otto miliardi di euro di tagli. Parliamo di otto miliardi di fondi sottratti al futuro del Paese, all’educazione dei nostri figli, che si sommano al disastro della pseudo-riforma Gelmini e al taglio di 130mila insegnanti e 45mila tecnici Ata.

continua

tag berlusconipdscuolariformaistruzionegelminitagli
0 commenti   permalink    creato da Achille_Passoni il 1/3/2011 alle 18:29 | Versione per la stampa
condividi:

Il Pd in piazza per difendere la scuola pubblica

1 marzo 2011.


Oggi a Roma il Partito Democratico organizza un sit-in per difendere la scuola pubblica attaccata ancora una volta da Berlusconi. Non mancate! Per maggiori informazioni è possibile cliccare qui.


tag pdscuolagelminiistruzione
0 commenti   permalink    creato da Achille_Passoni il 1/3/2011 alle 14:24 | Versione per la stampa
condividi:

sfoglia settembre        novembre